Svezzamento dei suini (4/8): Dopo lo svezzamento

LO SVEZZAMENTO DEI SUINI: GESTIONE OTTIMALE E NUOVE SFIDE – una serie di 8 parti

  1. Cosa succede durante lo svezzamento
  2. Obiettivi allo svezzamento nella scrofa
  3. Gestione dei suinetti durante lo svezzamento
  4. Sistemazione del suinetto dopo lo svezzamento
  5. Alimentazione della scrofa
  6. Alimentazione dei suinetti allo svezzamento
  7. Età di svezzamento
  8. Tipi di svezzamento in base all’età del suinetto.
    … e infine un esercizio di autovalutazione per ricapitolare l’intero argomento.

Gli autori:

Emilio Magallón Botaya – Veterinario specializzato in economia e produzione suina.
Sara Beitia Delgado – Ingegnere agronomo – Azienda agricola La Almenara
Pablo Magallón Verde – Servizio tecnico PIC
David Roldan Feringan – Veterinario-Granja La Almenara
Patricia Prieto Martínez – Servizio veterinario Inga Food

Immagini fornite dagli autori

STABULAZIONE DEI SUINETTI DOPO LO SVEZZAMENTO

L’emergere di linee genetiche di scrofe iperprolifiche ha cambiato la gestione di scrofe e suinetti in molti modi. Lo svezzamento è una delle azioni che ha risentito maggiormente, soprattutto per quanto riguarda l’età e il peso del suinetto. D’altra parte, i problemi sanitari derivanti da allevamenti sempre più grandi e la comparsa di nuove patologie alla fine del XX secolo, hanno reso necessaria la ricerca di alternative alla produzione suinicola tradizionale. Ciò ha dato origine alla formulazione della produzione in fasi, in cui troviamo le seguenti fasi:

  • Fase I o fase di allevamento.
    Questo include la fase di allevamento. I suinetti sono allevati da riproduttori e verri fino allo svezzamento.
  • Fase II o post-svezzamento.
    Fase in cui i suinetti vengono allevati dallo svezzamento fino al trasferimento alla stalla.
  • Fase III o ingrasso.
    Fase che va dal post-svezzamento o transizione al momento dell’invio dei suini ingrassati al macello.

Tutte queste fasi condizioneranno il tipo di stabulazione dei suinetti dopo lo svezzamento e le caratteristiche della stessa.

Tipi di post-svezzamento

  1. Post-svezzamento associato agli allevamenti di allevatori

Sistema piuttosto comune nella produzione di suini in cui la fase post-svezzamento e la fase di allevamento si trovano nella stessa azienda.

Si possono trovare due situazioni:

  • Il primo è che l’ingrasso o fase III si trova altrove.
    I suinetti svezzati vengono trasferiti nelle casette post-svezzamento e sistemati in stanze diverse ogni settimana di svezzamento. Non si mescolano animali di età diverse. Questo sistema garantisce che tutti gli animali svezzati abbiano la stessa origine e riduce i costi di produzione evitando il trasporto dei suinetti svezzati.
  • Nella seconda, l’ingrasso o fase III è anch’esso nella stessa azienda.
    In questa situazione si tratta di un ciclo chiuso. È più tradizionale ed è associata ad aziende agricole con un numero ridotto di allevatori.
  1. Transizione o post-svezzamento isolato (isowean)

L’isowean è un allevamento di fase II separato dall’allevamento di riproduttori e dal feedlot. Il termine deriva da “isolato” e “svezzamento”.

In un’isola ideale, tutti i suinetti provengono da un unico allevamento e hanno la stessa età.

Ciò consente una gestione “all in/all out” dell’intero gregge da riproduzione, con vantaggi dal punto di vista sanitario e logistico. Tuttavia, la realtà in campo è quasi sempre diversa, e per riempire l’isowean in questo modo avremmo bisogno di un allevamento molto grande, che spesso non è disponibile. Ne derivano “transizioni” di età e origini diverse. Quanto più ci allontaniamo dalla situazione ideale sopra descritta, tanto più sorgeranno problemi.

  1. Svezzare fino alla fine (wean to finish)

In questo sistema di produzione, i suinetti svezzati vengono trasferiti in allevamenti appositamente condizionati, dove gli animali rimangono fino all’ingrasso e all’invio al macello.

Queste strutture devono offrire il comfort necessario per le prime fasi dell’allevamento, con suinetti di 6-7 kg, fino alla fase di finissaggio a circa 110-120 kg.

Sono dotati di sistemi di riscaldamento e di attrezzature “multi-età” con tramogge e abbeveratoi che si adattano alle diverse età degli animali ospitati.

Vantaggi

Si tratta di un sistema che presenta diversi vantaggi dal punto di vista del benessere animale.

  • Solo due trasporti del suinetto durante la sua vita (anche questo è un vantaggio economico).
  • L’adattamento a un nuovo spazio è ridotto.

Svantaggi

  • La necessità di manodopera più qualificata.
  • Le strutture sono sottoutilizzate in gran parte dell’allevamento.

Le principali caratteristiche dei diversi tipi di strutture post-svezzamento sono elencate nella tabella 1.

Tabella 1. Confronto tra diversi tipi di post-svezzamento.

TD-TF: Tutto dentro/Tutto fuori; P&D: Pulizia e disinfezione

Progettazione di strutture per lo svezzamento

L’obiettivo delle strutture per i suinetti svezzati è quello di consentire ai suinetti di adattarsi alla nuova fase della loro vita e di raggiungere gli obiettivi di produzione previsti.

Dimensionamento

Diversi aspetti determineranno le dimensioni della struttura. Ovviamente, un allevamento tradizionale da svezzato a finito non sarà uguale a un allevamento da svezzato a finito. Sarà inoltre decisivo se le strutture riceveranno suinetti da un unico allevamento o se riceveranno suinetti da più fonti. Nel primo caso sarà necessario dimensionare il locale post-svezzamento in base al numero di suinetti prodotti nel recinto di allevamento.

Le direttive europee stabiliscono le misure minime di superficie che queste strutture devono avere. La tabella 6 mostra la superficie necessaria per ogni animale in base al suo peso. Questi valori sono piuttosto stretti ed è prassi comune aumentare lo spazio per animale di circa il 10%.

Si consiglia un minimo di 0,25 m2 per suinetto di 20 kg.

Tabella 2. Superficie necessaria per ogni animale in base al suo peso.

PESO DEI SUINETTI (KG)DENSITÀ (M²/ANIMALE)
<100,15
10-200,20
20-300,30

Alloggiamento per le scrofe

Una volta svezzate, le scrofe vengono trasferite nell’area di “copertura-controllo”, dove possono essere alloggiate in gruppi o direttamente in gabbie, dove verranno inseminate in seguito, una volta entrate in estro. Le scrofe svezzate in recinti di gruppo hanno un intervallo svezzamento-allevamento più breve a causa dell’effetto di interazione delle scrofe che sviluppano il primo estro.

È importante che le scrofe abbiano luce, circa 14-16 ore al giorno, con una potenza di 200 lux (figura 1).

Recentemente, sono nati nuovi sistemi di rilevamento automatico dell’estro per facilitare questi processi. Si tratta in genere di sistemi con sonde o telecamere, posizionati sopra le gabbie in cui sono alloggiate le scrofe svezzate, che rilevano i movimenti individuali delle scrofe in estro, poiché hanno un modello di movimenti molto più attivo. Questi dati vengono registrati da un programma informatico e un algoritmo del programma determina il momento teorico dell’ovulazione e indica il momento ottimale per l’inseminazione di ogni scrofa.

Figura 1. Casa “scrofa-controllo” con supporto luminoso per incoraggiare le scrofe a entrare in estro.

Esigenze ambientali del suinetto

Fornire ai suinetti svezzati le migliori condizioni ambientali possibili è essenziale per ottenere la massima produttività e redditività negli allevamenti di suini. Ciò significa controllare i diversi parametri nel modo più preciso possibile. Gli animali devono avere a disposizione la temperatura, l’umidità e la ventilazione ideali (tabella 2) per il loro benessere e dobbiamo anche essere in grado di monitorarli al meglio per la loro corretta applicazione.

Tabelle 3: Temperatur- und Lüftungsempfehlungen in der Ferkelaufzucht in Abhängigkeit von Aufzuchtwoche und Jahreszeit, angepasst nach Queiles und Hevia (2006).

Numero di box post-svezzamento per scrofa da riproduzione

Tradizionalmente, erano necessarie 3 stalle post-svezzamento per ogni stalla di scrofa, ma per produzioni di circa 20-25 suinetti per scrofa all’anno. Con le produzioni attuali dovremmo arrivare a un minimo di 4 posti per produzioni di 25-30 suinetti, e sopra i 30 suinetti svezzati avremo bisogno di 5 posti post-svezzamento per scrofa per gestire comodamente il post-svezzamento e poter garantire circa 5-6 settimane di permanenza post-svezzamento.

Questa serie di articoli è stata pubblicata per la prima volta sulla rivista professionale SUIS.