Svezzamento dei suini (1/8): Cosa succede durante lo svezzamento

LO SVEZZAMENTO DEI SUINI: GESTIONE OTTIMALE E NUOVE SFIDE – una serie di 8 parti

  1. Cosa succede durante lo svezzamento
  2. Obiettivi allo svezzamento nella scrofa
  3. Gestione dei suinetti durante lo svezzamento
  4. Sistemazione del suinetto dopo lo svezzamento
  5. Alimentazione della scrofa
  6. Alimentazione dei suinetti allo svezzamento
  7. Età di svezzamento
  8. Tipi di svezzamento in base all’età del suinetto.
    … e infine un esercizio di autovalutazione per ricapitolare l’intero argomento.

Gli autori:

Emilio Magallón Botaya – Veterinario specializzato in economia e produzione suina.
Sara Beitia Delgado – Ingegnere agronomo – Azienda agricola La Almenara
Pablo Magallón Verde – Servizio tecnico PIC
David Roldan Feringan – Veterinario-Granja La Almenara
Patricia Prieto Martínez – Servizio veterinario Inga Food

Immagini fornite dagli autori

Lo svezzamento è una parte molto importante del ciclo di vita e di produzione degli animali. Dal punto di vista dei suinetti, tra gli altri aspetti, comporta la separazione dalla madre e un cambiamento nella composizione dell’alimentazione. A sua volta, la scrofa subisce una serie di cambiamenti ormonali che segnano l’inizio di un nuovo ciclo produttivo.

In questa serie di articoli cercheremo di rispondere a tutte le domande che spesso ci vengono poste sullo svezzamento e sul modo migliore per effettuarlo. In primo luogo, per rispondere alla domanda più frequente “Qual è l’età migliore per svezzare?”, dobbiamo esaminare le caratteristiche di ogni allevamento: genetica, strutture, gestione, alimentazione, personale, condizioni legali…, perché non tutti gli allevamenti possono realizzare lo stesso sistema di svezzamento, né possono svezzare alla stessa età.

Cosa succede durante lo svezzamento

Per una corretta gestione degli animali al momento dello svezzamento, è importante conoscere la natura del suinetto e i cambiamenti che subisce, oltre a svolgere alcune azioni con le madri per garantire le sue condizioni ottimali per la gestazione successiva.

Come si svolge lo svezzamento in condizioni naturali?

Il processo di svezzamento nel maiale selvatico (cinghiale) è graduale, per cui i cinghiali passano progressivamente da una dieta esclusivamente lattea a una dieta priva di latte. Man mano che la prole cresce, le sue esigenze nutrizionali cambiano e aumentano. Inoltre, la produzione di latte della scrofa diminuisce e diventa insufficiente a soddisfare le esigenze dei suoi piccoli. Gradualmente, i cinghiali prendono confidenza con il cibo solido. L’allattamento nei suini selvatici dura dalle 8 alle 12 settimane. Anche se alcuni autori la estendono a 12-17 settimane.

Cosa succede nella scrofa al momento dello svezzamento?

Allo svezzamento si verifica un importante cambiamento fisiologico nella scrofa, che passa dalla produzione di latte alla ripresa del ciclo estrale. Questo effetto è causato dalla soppressione della produzione dell’ormone prolattina dovuta alla cessazione dell’allattamento da parte dei suinetti, che dà inizio al ciclo estrale.

Le scrofe vengono spostate in allevamento dalla sala “da parto” a quella “di gestazione”. Lì vengono generalmente tenute in gabbie individuali fino alla fecondazione e, a seconda della gestione, possono essere rilasciate (gestione “cover and release”) o tenute nelle gabbie individuali fino a 28 giorni di gestazione, quando, precedentemente diagnosticata la gravidanza, a circa 25 giorni, vengono trasferite nella zona di “gestazione confermata”.

Non appena le scrofe vengono svezzate, è importante gestire i verri “ruffiani” in modo da favorire l’effetto maschio. A questo scopo, i verri vengono fatti passare attraverso i box e le gabbie in cui sono state svezzate le scrofe. Le scrofe entreranno in calore a partire da 3-6 giorni dopo lo svezzamento e saranno fecondate da quel momento in poi, man mano che entrano in calore.

Svezzamento del cinghiale

Il processo graduale di modifica della dieta del cinghiale avviene in quattro fasi:

1. Nascondere

  • Dura per la prima settimana.
  • Il maialino rimane isolato nel nido costruito dalla madre e compie sporadiche escursioni intorno al nido.

2. Familiarizzazione

  • Seconda e terza settimana di lattazione.
  • I suinetti lasciano il nido e seguono la scrofa. Rimangono con il loro gruppo sociale e iniziano a grufolare. Non c’è quasi nessun contatto con altre cucciolate.

3. Integrazione e apprendimento

  • Dalla terza alla settima settimana.
  • La scrofa lascia i suinetti da soli per lunghi periodi, l’intervallo tra le poppate aumenta e le poppate diventano sempre più brevi. Interagiscono con gli altri suinetti del loro gruppo sociale e si procurano il cibo.

4. L’indipendenza

  • Dalla settima settimana alla 12-17 settimana di lattazione.
  • L’allattamento diventa sempre meno frequente, fino a cessare a un certo punto. I suinetti smettono gradualmente di allattare, agiscono in modo indipendente dalla madre ma fanno ancora parte del gruppo sociale e dormono con la madre.

Si tratta dell’intervallo tra svezzamento e fecondazione (WFI), che rappresenta il tempo necessario a una scrofa per diventare feconda, misurato a partire dalla data dello svezzamento. È un parametro molto importante per determinare l’efficienza riproduttiva di una scrofa. Per favorire l’ovulazione è consigliabile, soprattutto nelle scrofe magre, effettuare il cosiddetto “flushing” o sovralimentazione dallo svezzamento alla copertura. L’introduzione di destrosio, dallo svezzamento alla copertura, circa 250 grammi al giorno, favorisce il recupero delle condizioni corporee e, secondo alcuni autori, una migliore ovulazione e prolificità nel ciclo successivo.

È importante classificare le scrofe allo svezzamento in base alla loro condizione corporea, per poter applicare curve di alimentazione diverse in base alla loro condizione, in modo che le scrofe magre migliorino la loro condizione corporea e le scrofe grasse non ingrassino più del dovuto.

Come reagisce il maialino quando viene svezzato?

Lo stress

Lo svezzamento è un momento molto delicato e stressante per il suinetto, che subisce una serie di cambiamenti importanti e repentini:

  • Perdita della protezione materna e separazione improvvisa dalla madre.
  • Interruzione della trasmissione degli anticorpi dalla madre al suinetto attraverso il latte materno, con conseguente perdita dell’immunità materna. Si verifica la cosiddetta finestra immunitaria, che rende il suinetto suscettibile a problemi patologici nel periodo successivo allo svezzamento (figura 1).
  • Cambio di sito o di allevamento, quasi sempre tramite trasporto, a volte su lunghe distanze.
  • Frequenti cambi di compagni di allevamento, entrando a far parte di gruppi più grandi della cucciolata originaria, con conseguenti lotte per ristabilire la gerarchia sociale.
  • Nuovi sistemi di alimentazione, nuove tramogge e abbeveratoi con meccanismi che richiedono apprendimento e gestione.
  • Passaggio brusco da un’alimentazione calda e liquida a una fredda e solida. Diete meno digeribili.
  • Aumento del fabbisogno idrico.
  • Cambiamenti sostanziali nell’alimentazione: si passa da un’alimentazione a cicli di allattamento ogni 40-60 minuti a un’alimentazione ad libitum che per la maggior parte del tempo non hanno quasi assaggiato (contatto improvviso con proteine vegetali).

Va tenuto presente che, in condizioni naturali, lo svezzamento è un processo graduale e avviene in età più avanzata, quando il suinetto è fisiologicamente più maturo. Per questo motivo, lo stress del suinetto durante questo processo deve essere ridotto al minimo e le condizioni ambientali e gestionali devono essere controllate.

Figura 1: L’abbassamento dell’immunità materna e la comparsa dell’immunità acquisita: la finestra immunitaria.

Fonte: Magallón et al. (2017).
Grafico tratto da “Manejo y gestión del posdestete. El lechón destetado”

Problemi digestivi e di alimentazione

L’effetto più importante dello stress da svezzamento è forse la riduzione dell’assunzione di cibo. Di conseguenza, il suinetto soffre della ben nota “sindrome post-svezzamento”, caratterizzata da:

  • Cambiamenti morfologici nei microvilli intestinali che si accorciano e le dimensioni delle cripte aumentano (figura 2).
  • Cambiamenti enzimatici causati da variazioni della dieta. Dopo lo svezzamento, l’attività della saccarasi e della maltasi aumenta e quella della lattasi diminuisce.
  • Cambiamenti nel microbiota: la diversità batterica aumenta dopo lo svezzamento e la sua composizione cambia.

Va notato che in un animale sano il microbiota del tratto digestivo è relativamente stabile. Comprende batteri benefici come il Lactobacillus e batteri nocivi come l’E.Coli. Cambiamenti improvvisi nella dieta, stress, ecc. portano a una riduzione del numero di lattobacilli e a un aumento di altri batteri nocivi, come l’E.Coli. Questo favorisce la colonizzazione di altri agenti altamente patogeni, come il rotavirus, che possono essere all’origine della diarrea e del cattivo assorbimento dei nutrienti.

Negli ultimi anni si sta diffondendo il termine di salute intestinale. Questo stato si ottiene con un programma di alimentazione bilanciato e appetibile nella fase post-svezzamento per evitare la diarrea. Per questo è molto importante:

  • Conoscere i fattori di rischio alimentari allo svezzamento.
  • Adattare l’alimentazione alla fisiologia del suinetto.
  • Cercare di ottenere un’elevata assunzione di mangime e acqua il più presto possibile.
  • Svezzare i suinetti a un peso e a un’età adeguati (è il fattore più importante).

Periodo di latenza

Fin dall’inizio dello svezzamento, è necessario che il suinetto assuma un’alimentazione elevata e regolare per garantire l’integrità dei microvilli intestinali. Nei primi giorni l’assunzione di mangime deve essere di almeno 150 g/giorno, in modo che il suinetto possa mantenere le sue riserve di massa corporea. È frequente che il maialino perda peso nei primi giorni perché impiega troppe ore per iniziare a mangiare. Questo periodo viene definito da alcuni autori come periodo di latenza. È il periodo che intercorre tra lo svezzamento e il raggiungimento di un’alimentazione regolare.

Esistono ampie variazioni individuali nel comportamento alimentare dei suinetti. In generale hanno un comportamento molto curioso, quindi esploreranno rapidamente l’intero box e troveranno il truogolo. È quindi molto importante che abbiano imparato a mangiare il mangime in sala parto, o almeno che abbiano familiarità con esso, anche se l’assunzione di mangime in questa fase è minima.

Figura 2: Rappresentazione dell’alterazione delle cellule componenti i microvilli intestinali. L’ingestione di cibo inadeguato porta a una moltiplicazione accelerata delle cellule germinali, che provoca l’eliminazione delle cellule assorbenti e quindi compromette l’assorbimento-escrezione di nutrienti e acqua nell’intestino. A: lume intestinale; B: cripte; C: mucosa.

Fonte: Magallón et al. (2017).
Grafico tratto da “Manejo y gestión del posdestete. El lechón destetado”

Per comprendere questo processo è importante anche conoscere i modelli di alimentazione dei suinetti nel periodo successivo allo svezzamento. Se trovano il mangime, la maggior parte di essi lo assaggia, anche se le quantità ingerite sono minime. Solo dopo aver confermato che il mangime è sicuro, lo consumeranno in quantità normali e adotteranno un modello di alimentazione regolare. Ovviamente i suinetti che avevano già familiarità con lo stesso mangime in sala parto acquisiranno prima questo modello di assunzione (figura 3). Esiste anche una piccola percentuale di suinetti, tra il 5 e il 10%, che soffre della cosiddetta neofobia alimentare. Questi suinetti assaggiano per la prima volta il mangime allo svezzamento, ma poi lo rifiutano per giorni.

Le fluttuazioni nel consumo di mangime causano uno squilibrio del microbiota digestivo del suinetto e la proliferazione di batteri patogeni come l’E.Coli, con conseguente diarrea e problemi digestivi come l’edema.

Figura 3: Visite effettuate dai suinetti nella stazione di alimentazione, con e senza accesso al mangime iniziale, durante la lattazione.

Fonte: Van Kenpem, T. (2014).
Grafico tratto da “Gestione e management del post-svezzamento. Il maialino svezzato”.

Figura 4: Distribuzione del numero di nati vivi per parto in un’azienda con scrofe iperprolifiche.

Per ridurre al minimo il periodo di latenza è molto utile collocare all’interno del box una mangiatoia rotonda, simile a quella del parto, molti suinetti impareranno a mangiare imitando gli altri e mangeranno in gruppo come fanno durante l’allattamento.

Sociabilità e gerarchia

I maiali in natura vivono in gruppi familiari che stabiliscono un ordine sociale gerarchico in cui di solito non ci sono problemi di aggressione, a meno che il gruppo non sia destabilizzato o ci siano problemi di spazio o di cibo.

Perché questo comportamento non viene mantenuto negli allevamenti?

  • Mancanza di spazio sufficiente per rispondere con sottomissione a una minaccia.
  • Concorrenza per il mangime.
  • Frequenti interruzioni delle gerarchie causate dal mescolamento di suini provenienti da gruppi sociali diversi, poiché di solito diverse nidiate non vengono riunite nello stesso box, ma gli animali vengono raggruppati per peso e talvolta anche per sesso.

L’ordine sociale viene ristabilito entro le prime 48 ore. Anche se non è sempre fissa, se non ci sono cambiamenti dovuti all’introduzione di animali dominanti nel gruppo, la struttura complessiva rimane invariata. Quando si verificano situazioni di competizione, come la limitazione del cibo o la mancanza di spazio, gli animali di rango inferiore o intermedio possono essere svantaggiati.

Queste situazioni di stress e/o combattimenti portano a una diminuzione dei parametri di produzione, come il guadagno medio giornaliero o il rapporto di conversione dei mangimi, e a un aumento delle lesioni.

Questa serie di articoli è stata pubblicata per la prima volta sulla rivista professionale SUIS.