Svezzamento dei suini (2/8): Obiettivi allo svezzamento nella scrofa

LO SVEZZAMENTO DEI SUINI: GESTIONE OTTIMALE E NUOVE SFIDE – una serie di 8 parti

  1. Cosa succede durante lo svezzamento
  2. Obiettivi allo svezzamento nella scrofa
  3. Gestione dei suinetti durante lo svezzamento
  4. Sistemazione del suinetto dopo lo svezzamento
  5. Alimentazione della scrofa
  6. Alimentazione dei suinetti allo svezzamento
  7. Età di svezzamento
  8. Tipi di svezzamento in base all’età del suinetto.
    … e infine un esercizio di autovalutazione per ricapitolare l’intero argomento.

Gli autori:

Emilio Magallón Botaya – Veterinario specializzato in economia e produzione suina.
Sara Beitia Delgado – Ingegnere agronomo – Azienda agricola La Almenara
Pablo Magallón Verde – Servizio tecnico PIC
David Roldan Feringan – Veterinario-Granja La Almenara
Patricia Prieto Martínez – Servizio veterinario Inga Food

Immagini fornite dagli autori

I progressi nella produzione dei suini richiedono una gestione tecnica e precisa per ottenere il pieno potenziale genetico degli animali. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario lavorare con obiettivi di svezzamento sia per la scrofa che per il suinetto.

Obiettivi allo svezzamento nella scrofa

L’obiettivo produttivo per la scrofa alla fine della lattazione è quello di svezzare una nidiata il più grande possibile, con una buona qualità e peso del suinetto e in buone condizioni corporee per affrontare con successo il ciclo successivo.

Per raggiungere questi obiettivi, il primo passo è introdurre in sala parto una scrofa nelle migliori condizioni. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario garantire i seguenti punti:

Igiene delle strutture

È necessario eseguire un corretto protocollo di pulizia, disinfezione e asciugatura del locale.

Igiene della scrofa

La riduzione della carica batterica può essere ottenuta facendo una doccia alla scrofa o applicando del sapone su alcune parti sensibili prima di entrare nella sala parto, il che contribuirà a ridurre la pressione infettiva nella sala parto.

Immunizzazione adeguata

Per svezzare una nidiata numerosa e di alta qualità, è essenziale che la scrofa fornisca alla sua prole gli anticorpi necessari per affrontare gli agenti patogeni che incontreranno fin dalla nascita. Ciò richiede una corretta diagnosi degli agenti patogeni presenti in azienda e la conseguente stesura di un piano di vaccinazione.

Trasmissione dell’immunità

La maggior parte dei suinetti è in grado di assumere senza aiuto il colostro, o almeno in parte. Tuttavia, con le linee genetiche prolifiche di oggi, dobbiamo facilitare e sostenere un’assunzione sufficiente di colostro da parte dell’intera nidiata per ottenere uno stato immunitario omogeneo e l’aumento di peso del suinetto nelle prime ore di vita (figura 1).

Figura 1: Distribuzione del numero di nati vivi per parto in un’azienda con scrofe iperprolifiche.

Condizioni di salute della scrofa al momento del parto

Affinché una scrofa sia in grado di allattare correttamente una nidiata per tutta la lattazione, non deve essere affetta da processi infettivi o infiammatori che potrebbero compromettere la sua capacità di continuare a consumare mangime e produrre latte per tutta la nidiata. I processi infiammatori nella scrofa, come zoppia, metrite e mastite, possono portare ad apatia, inappetenza e, di conseguenza, la scrofa non è in grado di produrre latte e deve essere svezzata prima del normale svezzamento. Come mostrato nella figura 2, un’azienda con problemi infiammatori (zoppia, mastite) nelle scrofe al parto, avrà un’alta percentuale di scrofe (7 %) che svezzano 0 suinetti.

Figura 2: Suinetti svezzati per nidiata in un allevamento con problemi di zoppia nelle scrofe in sala parto.

Condizioni corporee adeguate al parto

Per promuovere un’elevata assunzione di mangime durante la lattazione, è importante assicurarsi che le scrofe siano in condizioni corporee ideali al momento del parto e che non entrino in parto troppo grasse. Le scrofe grasse avranno una minore assunzione di mangime e perderanno più peso corporeo durante la lattazione, il che avrà un impatto sul loro potenziale di prolificità nel ciclo successivo.
Per monitorare la condizione corporea è importante poter oggettivare le misurazioni. Esistono diversi sistemi di misurazione, ma uno dei più pratici è il Calibro, sviluppato da Mark Knauer dell’Università del North Carolina, che misura l’angolo tra il processo dorsale e trasversale della colonna vertebrale a livello dell’ultima costola toracica (figura 3).

Figura 3: Visualizzazione dell’angolo misurato dal calibro tra il processo trasverso e quello dorsale in corrispondenza dell’ultima costola.

Questo angolo ha un altissimo grado di correlazione con le condizioni corporee della scrofa e grazie a migliaia di testaggi, è stato sviluppato un metodo di misurazione convalidato, con cui molte aziende lavorano, per controllare questo parametro. Nel caso del Calibro, si utilizza questa gamma di punteggi:

  • <12: scrofe magre.
  • 12-15: scrofe in condizioni corporee ideali.
  • >15: scrofe grasse.

I dati analizzati nelle aziende confermano che:

  • Le scrofe che entrano in una condizione corporea grassa consumano meno mangime durante la lattazione (figura 4).
  • Consumando meno mangime, hanno più difficoltà a svezzare nidiate con pesi elevati.
  • Le scrofe grasse perdono più punteggio al calibro (condizione corporea) durante la lattazione.
  • Nella figura 5 vediamo che per ogni unità di perdita di calibro durante la prima lattazione, le nascite totali si sono ridotte di 0,27 unità.

Figura 4: Effetto della condizione corporea al momento del parto sull’assunzione di mangime materno

Fuente: PIC

Figura 5: Effetto della perdita di condizione corporea nella prima lattazione sulla prolificità nel ciclo successivo (NT nati totali).

Fonte: Studio collaborativo del gruppo KERBEST, UVESA e PIC.

Un obiettivo importante è quello di evitare scrofe grasse al parto, che hanno consumato più mangime del necessario durante la gestazione, con un impatto negativo sulla loro capacità di svezzare suinetti di taglia elevata. Una volta raggiunti gli obiettivi prefissati per l’ingresso delle scrofe nella sala parto, è necessario incoraggiare il consumo di mangime, come? Garantendo il comfort ambientale della scrofa e stimolando l’assunzione di mangime distribuendo la razione in più somministrazioni al giorno. Idealmente le scrofe dovrebbero mangiare ad libitum dal giorno successivo al parto per raggiungere un’assunzione elevata, ma in determinate circostanze e/o sistemi di alimentazione può essere consigliabile stabilirne il ritmo. Esistono sistemi per monitorare l’assunzione durante il parto per comprendere i modelli di consumo e le alterazioni (figure 6, 7 e 8). Per preparare la scrofa al ciclo successivo, con tutte le garanzie, è necessario che la lattazione abbia una durata minima per rispettare l’involuzione uterina. L’allattamento al di sotto dei 21 giorni può compromettere la fertilità e la prolificità del ciclo successivo.

Diversi modelli di assunzione di cibo nella maternità

Figura 6: Modello di consumo normale durante l’allattamento

Fonte: Carlos Piñeiro, Direttore di PigCHAMP Pro Europe

Figura 7: Schema della sindrome MMA (Mastite Agalassia)

Fonte: Carlos Piñeiro, Direttore di PigCHAMP Pro Europe

Figura 8: Schema di reazione alla vaccinazione

Fonte: Carlos Piñeiro, Direttore di PigCHAMP Pro Europe

L’obiettivo principale per le scrofe allo svezzamento è che arrivino in buone condizioni corporee per avere un corretto intervallo svezzamento-calore (4-6 giorni) e una durata minima di lattazione che faciliti l’involuzione uterina e favorisca un buon tasso di ovulazione.

Questa serie di articoli è stata pubblicata per la prima volta sulla rivista professionale SUIS.