Svezzamento dei suini (3/8): Durante lo svezzamento

LO SVEZZAMENTO DEI SUINI: GESTIONE OTTIMALE E NUOVE SFIDE – una serie di 8 parti

  1. Cosa succede durante lo svezzamento
  2. Obiettivi allo svezzamento nella scrofa
  3. Gestione dei suinetti durante lo svezzamento
  4. Sistemazione del suinetto dopo lo svezzamento
  5. Alimentazione della scrofa
  6. Alimentazione dei suinetti allo svezzamento
  7. Età di svezzamento
  8. Tipi di svezzamento in base all’età del suinetto.
    … e infine un esercizio di autovalutazione per ricapitolare l’intero argomento.

Gli autori:

Emilio Magallón Botaya – Veterinario specializzato in economia e produzione suina.
Sara Beitia Delgado – Ingegnere agronomo – Azienda agricola La Almenara
Pablo Magallón Verde – Servizio tecnico PIC
David Roldan Feringan – Veterinario-Granja La Almenara
Patricia Prieto Martínez – Servizio veterinario Inga Food

Immagini fornite dagli autori

Lo svezzamento è uno dei momenti più critici nella vita del suinetto, in quanto produce uno stress dovuto alla separazione dalla madre, al cambio di strutture e alla modifica della composizione della dieta alimentare, tra gli altri aspetti, per cui è essenziale lavorare con attenzione durante questa fase della produzione.

Gestione dei suinetti durante lo svezzamento

È importante avere chiari gli obiettivi da raggiungere durante lo svezzamento dei suinetti. Allo stesso modo, è fondamentale il momento in cui i suinetti vengono separati dalla scrofa. Tutte le azioni che facciamo in questo periodo con gli animali avranno delle conseguenze nel futuro. Anche il design delle strutture influisce sul risultato finale.

OBIETTIVI ALLO SVEZZAMENTO NEL SUINETTO

Ovviamente il nostro obiettivo è ottenere un suinetto di qualità, in modo da facilitare l’adattamento e l’avviamento in questa fase e ottenere buone prestazioni tecniche ed economiche. Un suinetto di qualità è un maialino che:

  • Ha un’età adeguata (minimo 21 giorni) e un peso adeguato allo svezzamento (minimo 6 kg in media con una variabilità minima rispetto alla media del gruppo).
  • Stato di salute ottimale.
  • Elevata capacità di assunzione (ingestione media giornaliera (ADI) e accrescimento medio giornaliero (ADG) elevati).
  • Adeguata maturità e salute intestinale.

L’importanza di ciascuno di questi aspetti viene esaminata di seguito.

  1. Pesi di svezzamento adeguati

La variazione del peso allo svezzamento è una circostanza sfavorevole che si è evidenziata con l’avvento della genetica iperprolifica, soprattutto a causa della dispersione del peso alla nascita e della ridotta assunzione di latte e colostro. In questa fase è molto importante nutrire e abbeverare correttamente la scrofa per massimizzare la produzione di latte. Il peso allo svezzamento è un fattore molto importante in quanto è correlato alla mortalità nelle fasi successive di allevamento e ingrasso (vedi figura 1).

Figura 1: Percentuale di mortalità cumulativa durante il periodo di allevamento e ingrasso in funzione del peso dei suinetti allo svezzamento. Vidal et al (2015).
  1.  Stato di salute ottimale

Il fattore più importante che influenza la mortalità è lo stato di salute dei suinetti allo svezzamento. Il suinetto perde progressivamente l’immunità passiva dopo lo svezzamento prima di aver sviluppato completamente l’immunità acquisita,quindi se i suinetti hanno origini sanitarie diverse soffriranno di molteplici problemi e la mortalità post-svezzamento aumenterà, ovviamente ancora più aggravata se mescoliamo suinetti svezzati di origini diverse.

  • Elevata capacità di ingestione e accrescimento giornaliero

È necessaria un’assunzione regolare ed elevata del suinetto (figura 2). Alcune delle strategie per raggiungere questi obiettivi sono:

  • Fornire ai suinetti lo stesso tipo di mangime utilizzato nella fase finale della lattazione.
  • Diete di alta qualità con ingredienti speciali gustosi e appetibili.
  • Gestire il mangime in modo corretto, somministrandolo più volte al giorno, disponendo di piatti supplementari, lavorando con le pappette nei primi giorni, aggiungendo acqua con agente reidratante in tramogge rotonde…
  • Acqua batteriologicamente di qualità, fornita a temperature adeguate.
  • Comfort climatico. Temperatura allo svezzamento di 28 °C.
Figura 2: Correlazione tra l’assunzione di mangime nella prima settimana post-svezzamento e l’aumento di peso nelle prime cinque settimane post-svezzamento. Adattato da Bruininx, E.M et al (2002).
  1. Adeguata maturità e salute intestinale.

La maturità e la salute intestinale sono termini strettamente associati all’età del suinetto allo svezzamento e alla capacità di assumere mangime in quel momento.

Quanto più tardi viene svezzato il suinetto, tanto più generalmente è preparato. Quando un suinetto immaturo viene svezzato, di solito si verificano problemi digestivi o la cosiddetta “sindrome post-svezzamento” (diarrea, disidratazione, perdita di condizione corporea e aumento della mortalità).

In relazione a questi concetti si possono trovare le 4 situazioni riassunte nella tabella 1.

Tabella 1: Sintesi delle situazioni allo svezzamento – Elaborazione propria.

Situazione 1: molto sfavorevole

Questa è la situazione più sfavorevole, poiché i suinetti non solo sono immaturi, ma anche sottopeso. Questi suinetti sono molto sensibili alla mancanza di “comfort termico”. Il loro apparato digerente è immaturo, quindi hanno bisogno di ingredienti altamente digeribili, e l’assunzione di mangime allo svezzamento è estremamente bassa; quindi, hanno bisogno di diete ricche di nutrienti.

Situazione 2: sfavorevole

Suinetti con un peso adeguato allo svezzamento ma con una maturità intestinale insufficiente. Questa situazione si verifica di solito con i suinetti più pesanti della cucciolata, noti come grandi poppatori, che non riconoscono la nuova fonte di cibo al momento dello svezzamento, causando un periodo di anoressia e perdita di peso.

In questa situazione è fondamentale far iniziare precocemente l’alimentazione solida al maggior numero possibile di suinetti con strategie come l’alimentazione a scorrimento. Si raccomanda:

  • Utilizzo di pappette o mangimi umidi.
  • Stimolare il comportamento esplorativo somministrando piccole quantità di mangime più volte al giorno.
  • Stimolare il consumo di acqua.
  • Utilizzare diete di alta qualità e digeribilità e integratori alimentari per incoraggiare l’assunzione.

Il motivo principale per cui l’alimentazione solida (creep-feed) è raccomandata durante l’allattamento è che il suo consumo favorisce la familiarizzazione dei suinetti con il tipo di alimentazione che riceveranno in futuro e, a sua volta, stimola la maturazione (Pluske et al., 2007) e la capacità enzimatica del tratto intestinale.

Situazione 3: favorevole

In questo caso si tratta di suinetti di peso ridotto, ma di età fisiologica adeguata. Normalmente gli animali più piccoli di ogni cucciolata sono più abituati a consumare ed esplorare il mangime per soddisfare l’apporto nutrizionale che non trovano nel latte materno. In questo modo, al momento della transizione, sono già abituati all’assunzione di alimenti solidi e mostrano un migliore adattamento.

Con questo tipo di suinetti lo svantaggio principale è che sono molto sensibili al comfort ambientale, in quanto hanno basse riserve corporee di glicogeno e grasso; quindi, in questo caso diventano molto importanti buone strutture e condizioni ambientali.

Situazione 4: ottimale

In questo caso si tratta di suinetti con un peso di svezzamento elevato e un’età fisiologica o una maturità intestinale adeguata.

Questi suinetti avranno una situazione di partenza più favorevole rispetto agli altri, poiché, se le condizioni ambientali e le strutture sono adeguate e il mangime è di buona qualità, avranno un buon inizio allo svezzamento (tabella 2).

Tabella 2: Raccomandazioni per la temperatura e la ventilazione durante la fase post-svezzamento, a seconda del giorno dello svezzamento e della stagione. Adattato da Queiles e Hevia (2006).

TEMPI DI SVEZZAMENTO

Il momento dello svezzamento, quando il suinetto viene separato dalla scrofa, è un momento chiave. Si tratta di una situazione di grande stress in cui cambiano il luogo di allevamento e l’alimentazione, si stabiliscono nuove gerarchie con i nuovi compagni, normalmente raggruppati per taglia e/o sesso. È quindi molto importante farlo correttamente.

Ora del giorno dello svezzamento

In linea di massima, lo svezzamento deve essere effettuato al mattino presto, dopo che la scrofa ha ricevuto il primo pasto. La scrofa sarà più tranquilla e sarà più facile per lei sdraiarsi e allattare i suinetti. In questo modo, i suinetti vengono svezzati con un’alimentazione a base di latte prima di affrontare il periodo di latenza, definito come il tempo che intercorre dallo svezzamento fino a quando il suinetto ha un’assunzione costante e adeguata di cibo e acqua (figura 3).

Inoltre, per motivi di organizzazione del lavoro negli allevamenti, è meglio svezzare la mattina presto, in modo da poter svuotare le sale parto il prima possibile e iniziare la pulizia delle stanze. Si consiglia di lasciare i locali lavati al mattino in modo che possano asciugarsi durante la notte. Si raccomanda di disinfettare sull’asciutto prima che le scrofe entrino nel ciclo di parto successivo.

Figura 3: Suinetti appena svezzati, preparati per il carico e il trasferimento su camion.

Separazione di scrofa e suinetti

La pratica più comune è quella di svezzare prima tutte le scrofe presenti nella sala e, una volta trasferite nel reparto gestazione, procedere al trasferimento dei suinetti. È consigliabile che i box della sala post-svezzamento non siano eccessivamente grandi.

Recentemente, alcuni allevamenti sono stati costruiti con un numero di posti parto doppio rispetto al solito, per poter svezzare i suinetti e svolgere l’intera fase post-svezzamento nella stessa sala parto. L’idea di fare investimenti aggiuntivi così pesanti con questo tipo di strutture mira a evitare ai suinetti il forte stress di creare nuovi gruppi sociali in un momento così delicato come lo svezzamento. È quindi importante valutare il beneficio da un punto di vista produttivo ed economico. In questi sistemi, i suinetti non vengono mescolati dalla nascita alla macellazione, tranne che nei camion per il trasferimento dal post-svezzamento (sito 2) all’accrescimento ingrasso (sito 3) dove le due nidiate vengono mescolate solo durante il trasporto; i suinetti di ciascuna nidiata vengono contrassegnati con un colore diverso per essere rimessi insieme a quelli della stessa nidiata nei box da ingrasso.

GIORNO E SETTIMANA DI SVEZZAMENTO

In che giorno della settimana si fa lo svezzamento?

In un allevamento di suini, i compiti più importanti per una buona gestione sono:

  • Lo svezzamento
  • La fecondazione
  • Parto

A seconda del giorno della settimana in cui si effettua lo svezzamento, la fecondazione e il parto si inseriscono meglio o peggio nei giorni lavorativi della settimana. Il fine settimana è il momento in cui il lavoro in azienda è minore, a causa della minore presenza di manodopera. È quindi molto importante scegliere il giorno giusto per lo svezzamento. È necessario prendere in considerazione i seguenti aspetti specifici dell’azienda agricola:

  • Durata della gestazione
  • Svezzamento – intervallo di estro
  • Intervallo tra svezzamento e fecondazione
  • Linee guida sulla copertura

A.           Lo svezzamento il giovedì

Tradizionalmente, negli allevamenti con scrofe con gestazione media di circa 114 o 115 giorni, lo svezzamento viene effettuato il giovedì; quindi, la maggior parte delle scrofe viene coperta il lunedì e partoriranno il giovedì.

L’intervallo di 4 giorni tra lo svezzamento e l’estro principale consente di coprire la maggior parte delle scrofe il lunedì e il martedì, evitando così il fine settimana. La durata della gestazione di 16 settimane e 3 giorni fa sì che la maggior parte del gruppo partorisca il giovedì e il venerdì, evitando così molti parti nel fine settimana.

Il principale svantaggio dello svezzamento del giovedì è l’ispezione e le procedure delle nidiate. Il follow-up e l’adozione dei suinetti nei primi 3 giorni di vita sono fondamentali per ridurre le perdite in sala parto.

A seconda del giorno in cui avviene lo svezzamento, si adattano meglio o peggio le coperture e i parti nei giorni lavorativi della settimana.

La somministrazione del ferro e la rifilatura di coda e dentini è un’altra delle attività più impegnative dell’allevamento legate al parto. Se lo svezzamento avviene il giovedì, l’ideale sarebbe portare la maggior parte del gruppo di scrofe in sala parto la domenica. In questo modo c’è abbastanza tempo per la pulizia e l’aspirazione (3 giorni) e le scrofe entrano 4 giorni prima del parto. Ma dato che il lavoro di routine durante il fine settimana deve essere evitato, un’altra opzione è quella di farle entrare il lunedì, 3 giorni prima del parto previsto (tabella 3). Questa è probabilmente la distribuzione dei compiti più frequente nelle aziende con un unico svezzamento settimanale il giovedì. Il piano di lavoro è buono, ma implica un adeguata ispezione delle nidiate durante il fine settimana.

Negli ultimi anni si è scoperto che le scrofe iperprolifiche hanno gestazioni più lunghe, che durano due o tre giorni in più, tra i 116 e i 117 giorni, per cui lo svezzamento di giovedì sposta il parto alla fine della settimana, quando c’è meno personale nelle aziende. La mortalità dei suinetti durante il parto si verifica per l’80% nei primi 3 giorni di vita, quando i suinetti necessitano di maggiori attenzioni.

Tabella 3: Attività in azienda con un solo svezzamento a settimana il giovedì

Tabella 4: Programma di lavoro settimanale

4A: Programma di lavoro settimanale consigliato per le linee con 114* e 115** giorni di gestazione.

Tabella di corrispondenza tra il giorno della settimana dello svezzamento, dell’accoppiamento e del parto in funzione della durata della gestazione.

4B: Programma di lavoro settimanale consigliato per le linee con 116/117 giorni di gestazione.

Lo svezzamento avviene il lunedì, il parto dal lunedì al mercoledì, la fecondazione il venerdì e il sabato.

B. Svezzamento durante il fine settimana o il lunedì

Pertanto, con le genetiche di scrofe iperprolifiche che hanno gestazioni più lunghe, lo svezzamento dovrebbe essere effettuato nel fine settimana o, meglio ancora, il lunedì, in modo da avere il parto all’inizio della settimana.

In alcuni grandi allevamenti, lo svezzamento viene effettuato ogni giorno della settimana per sfruttare meglio i posti parto, ma questo sistema non è consigliabile perché complica la gestione. Alcuni allevamenti effettuano lo svezzamento due giorni alla settimana, ma questa pratica, che massimizza l’uso delle unità di parto, complica la gestione e il lavoro negli allevamenti (tabella 4).

Lo svantaggio di svezzare il lunedì con una genetica iperprolifica è che la maggior parte delle coperture avviene il venerdì e il sabato, e se lo svezzamento avviene la domenica molti dei parti avvengono nel fine settimana. In entrambi i casi, l’ispezione e le procedure sulla nidiata avvengono nei giorni feriali, quando tutto il personale è operativo nell’azienda.

Questa serie di articoli è stata pubblicata per la prima volta sulla rivista professionale SUIS.